Francis Ford Coppola è l'ultima star ad investire nell'industria della cannabis

Celebrità come Willie Nelson, Tommy Chong e Snoop Dogg, hanno puntato all'industria della cannabis, in tempi non sospetti, mentre la musicista Melissa Etheridge e l'ex grande NBA Clifford Robinson sono stati sinceri riguardo al loro uso medico. Ma il regista premio Oscar del Padrino, Padrino II, e Apocalypse Now ? Bene, puoi aggiungere anche Francis Ford Coppola, che dopo 40 anni nell'industria vinicola, si è unito all'industria della cannabis, come riportato dalla Press Democrat:


"Il vino e la cannabis sono due doni antichi e generosi di Madre Natura, legati a grande cura, territorio e temperanza. Conoscenze che si applicano dall’una, all’altra", ha detto Coppola giovedì in una dichiarazione. "Come per la coltivazione della vite, i luoghi e le Grower's Series riflettono l'esperienza agricola californiana che crea una vera miscela di arte e scienza."

Coppola vede un'opportunità per aiutare a sfruttare i suoi altri marchi nella nuova impresa, come detto tramite Sana, la società: "dare vita a una visione progressista come pioniere della più alta qualità, prodotti alla cannabis coltivati ​​al sole attraverso l'agricoltura sostenibile".

Secondo alcune indiscrezioni, la cannabis che sarà prodotta dal pluri-premiato regista, sarà venduta in una confezione a forma di bottiglia di vino, una pipa in vetro, cartine e una scatola di fiammiferi, tramite il sito di consegna a domicilio Chill, specializzato in marijuana e derivati. 

Altre società del settore del vino e della birra hanno cercato un potenziale mercato in crescita in Nord America. Lagunitas Brewing Co. di Petaluma è stato il primo marchio ben noto sul mercato a creare una bevanda a base di cannabis realizzata in collaborazione con CannaCraft di Santa Rosa, venduta solo in dispensary di cannabis con licenza californiana.

Johnny Deim, fondatore e amministratore delegato di Humboldt Brothers, ha dichiarato che il suo accordo con Coppola è stato un "punto di riferimento su come stanno cambiando i tempi". Ha anche avuto contatti con altri marchi e musicisti famosi, ma ha detto di sentirsi a proprio agio nel firmare con Coppola il suo primo accordo, vista la passione del regista per il prodotto.

 

Nonostante l’esperienza di Coppola nel settore del vino, è ancora molto rilevante quando qualcuno con tale fama si unisce alla mischia, non solo per un discorso etico, ma anche perché dimostra quanto l'industria abbia delle potenzialità ancora da sfruttare, oltre a godere di un ottimo stato di salute, come evidenziato in una nostro recente articolo. Mentre molte celebrità aspettano di entrare nel mercato, le persone con un appeal come quello di Etheridge e Coppola aiutano l'ulteriore diffusione della cultura della marijuana, rendendo la legalizzazione statale un pò più probabile.

È bello sentire che Coppola definisce la cannabis come uno dei due "doni antichi e generosi di Madre Natura", oltre a sapere che anche lui si è unito a tale “Rivoluzione”. Sarà interessante vedere quali prodotti a base di cannabis firmati da celebrità saranno messi in piedi da qui a cinque anni, sperando che quelli con il cuore e la mente nel posto giusto siano premiati dai consumatori.


Lascia un commento

Liquid error: Could not find asset snippets/eu-cookie-banner-app.liquid