Quasi la metà degli utilizzatori di CBD potrebbe smettere di assumere farmaci convenzionali, lo affermano gli studi

Il più grande studio attualmente effettuato sul cannabidiolo (CBD) ha mostrato che molti pazienti stanno ottenendo così tanto sollievo dai loro dolori usando il CBD, che potrebbero abbandonare del tutto le prescrizioni farmaceutiche.

La ricerca è stata condotta dal Brightfield Group e da HelloMD e ha coinvolto 2400 persone appartenenti a quest’ultima community. Il gruppo consisteva al 55% di donne. Statisticamente parlando, i risultati hanno mostrato che gli uomini preferiscono dei prodotti composti principalmente da THC rispetto al CBD.

Il Dott. Perry Solomon, il direttore ufficiale medico di HelloMD, dice che i motivi principali per cui le persone usano il CBD sono per trattare insonnia, depressione, ansia e dolori alle giunture.

“Stiamo assistendo a una crescita esponenziale nell’interesse per i prodotti al CBD nella community dei nostri pazienti – in particolare fra le donne”, ha detto Solomon a Forbes. “Anche se dobbiamo ancora imparare tanto sul CBD, non possiamo ignorare un fatto: la maggior parte di chi usa i prodotti al CBD oggi ottiene grandi benefici. In ciò è insito il potenziale per delle conseguenze di vasta portata”.

Il 42% degli utilizzatori di CBD coinvolti nello studio ha detto ai ricercatori di essere stato in grado di abbandonare i farmaci prescritti, come Tylenol, ibuprofene, e altri antidolorifici su prescrizione più forti che causano dipendenza, tutto grazie ai prodotti al CBD.

Un sorprendente 80% della popolazione intervistata ha detto di aver trovato il CBD “molto o estremamente efficace”.

Il 3% ha affermato di non aver notato alcun effetto rilevante.

“Questo studio è emozionante perché mostra che c’è potenzialmente un enorme mercato a malapena toccato per i prodotti al CBD, che potrebbe migliorare le vite di molte persone”, ha detto Bethany Gomez, la direttrice del Brightfield Group. “Con ulteriori ricerche e una maggiore eduzione del pubblico, il CBD potrebbe essere un trattamento alternativo efficace per molte persone, in particolare in un periodo in cui la nostra nazione è nel bel mezzo di una crisi da oppiacei”.

Hai mai provato l’olio al CBD, un ceppo di Cannabis ricco di CBD o un altro prodotto ricco di cannabidiolo? Com’è stata la tua esperienza? Com’è andata in confronto ai prodotti tradizionali ricchi di THC? Aggiungi la tua testimonianza nei commenti per sviluppare i risultati di questo studio.


Lascia un commento

Liquid error: Could not find asset snippets/eu-cookie-banner-app.liquid