Più posti di lavoro, turismo e PIL : la ricetta della Croazia per la Legalizzazione

La legalizzazione come boost economico e sociale, grazie alla crescita di posti di lavoro (qui uno studio delle potenzialità economiche della legalizzazione internazionale), del turismo e del PIL in Croazia. È proprio questo il succo della proposta di legalizzazione della coalizione socialdemocratica, che fanno della cannabis uno degli elementi chiave della campagna elettorale per il prossimo anno.

Davor Bernardic, leader del SDP 39enne, ha dichiarato in Parlamento così: “Credo che con la legalizzazione sotto controllo statale potremmo raggiungere una crescita ulteriore dell’economia e delle entrate che porterebbero alla creazione di nuovi posti di lavoro; il risultato della legalizzazione della marijuana sarebbe un ulteriore sviluppo del settore del turismo, con la crescita della produzione agricola e del Pil”.

Davor si è anche pronunciato sulla canapa industriale, attualmente considerata ancora tra gli stupefacenti, sottolineando: “Ad oggi non c’è ancora una legge che regoli il settore industriale, molti rinunciano alla produzione, e quei produttori che continuano a coltivarla si lamentano degli svantaggi nei confronti degli altri paesi europei, perché non possono utilizzarla liberamente”.

Infatti, la coltivazione di questa, ha subito un notevole calo negli ultimi 5 anni, passando dai 2500 ettari coltivati nel 2014, ai soli mille del 2016 (totalmente contrapposto a quanto sta succedendo nel Bel Paese, dove è decuplicata ndr), questo a causa di problemi diversi: non esistono certificazioni nazionali delle sementi nè produzione, non esiste una produzione legale di olio estratto dai fiori e neanche un mercato di importazione.

Il clima croato è molto simile a quello Greco ed Italiano, per cui particolarmente indicato per la produzione di canapa. “Per questo motivo sta a noi trovare lo spazio per diventare leader dell’UE nel business che sta crescendo più rapidamente, la produzione di cannabis - conclude Bernardic - Siamo un paese turistico, vista l’esperienza positiva di altri paesi, dovrebbero essere all’ordine del giorno la produzione di canapa industriale e la legalizzazione completa della marijuana per scopi ricreativi”.

Un grandissimo in bocca al lupo alla Croazia, che sembra aver intrapreso un percorso equo e sano!

 

JOINTHEREVOLUTION


Lascia un commento