News dalla legalizzazione: la Corea del Sud apre alla marijuana medica e altri stati americani avanzano

La Corea del Sud diventa il primo paese dell'Asia orientale a consentire la marijuana medica, mentre negli Stati Uniti gli Stati nordorientali spingono verso il potenziometro legale.

 

Mentre le persone continuano a conoscere i benefici della cannabis medica, i paesi sono sempre più costretti a seguire l'esempio. All'inizio di quest'anno, il Regno Unito è stato costretto in seguito a proteste pubbliche a consentire l'accesso a farmaci a base di marijuana e la Food and Drug Administration statunitense ha approvato la prima sostanza farmaceutica derivata dalla cannabis per uso legale a livello nazionale. Ora gli stati nazionali con leggi sulla droga ancora rigide si stanno evolvendo: i legislatori della Corea del Sud hanno votato questa settimana per consentire un uso regolamentato della marijuana medica per condizioni che includono cancro, HIV / AIDS ed epilessia.

 

Negli Stati Uniti, le vendite legali di erba si sono intensificate sulla costa occidentale, ma il 2019 potrebbe essere l'anno in cui la corsa al verde si diffonderà finalmente nel nord-est. I primi due negozi della East Coast sono appena stati aperti in Massachusetts e la domanda dei consumatori non mostra segni di rallentamento. Questa settimana, un comitato legislativo del New Jersey ha presentato una legge sulla legalizzazione per gli adulti insieme ad altre due misure di riforma della cannabis, mentre il governo Phil Murphy ha approvato un disegno di legge per legalizzare la canapa. I legislatori di New York stanno redigendo una legge per la legalizzazione, e per non essere da meno, il nuovo governatore del Connecticut ha detto che sosterrà gli sforzi legislativi per portare un potenziometro legale allo Stato di Nutmeg.

 

Eppure le controversie in materia (e su come legalizzarla al meglio) rimangono impegnative. Nell'Ohio, un giudice ha stabilito che la prenotazione di licenze commerciali di marijuana medica per le minoranze è incostituzionale, mentre le aziende nazionali di coltivatori stanno cercando di costruire la propria strada nell'industria della cannabis medica del Maryland, nonostante la legge statale vieti tale attività. La legalizzazione del Canada ancora causando attriti con il suo vicino del sud e un investitore canadese si è trovato permanentemente bandito dagli Stati Uniti per aver tentato di partecipare a una conferenza dell'industria della cannabis.

 

La Corea del Sud diventa il primo paese dell'Asia orientale a consentire la marijuana medica:

 

Secondo quanto riportato all'inizio di quest'anno, i legislatori sud coreani stavano prendendo in considerazione una legge sulla cannabis medica, i legislatori hanno fatto seguito lunedì e hanno votato per "approvare la modifica della legge sulla gestione degli stupefacenti per consentire dosi non allucinogene di prescrizioni mediche di cannabis", Marijuana Business Daily rapporti. Questo è un cambiamento epocale per un paese che conserva il potere di condannare a morte i fumatori di marijuana, ma dove la domanda di prodotti a base di marijuana medica aumenta costantemente.

 

Secondo quanto riferito, i legislatori avrebbero preso in considerazione la precedente legislazione che avrebbe consentito l'approvazione di marijuana nel Regno Unito o negli Stati Uniti, ma il nuovo emendamento avrebbe "fornito una base legale ... per la produzione", sollevando anche dubbi sul fatto che presto ci saranno coltivazioni di cannabis in Sud Corea, oltre a come le regioni vicine potrebbero rispondere. Vijay Sappani, un venture capitalist nel mercato della cannabis, ha dichiarato al Marijuana Business Daily che la mossa rappresenta "un significativo passo avanti": "L'importanza della Corea come primo Paese in Asia orientale a consentire la cannabis medica a livello federale non dovrebbe essere sottovalutata. Ora è una questione di quando altri paesi asiatici seguiranno la Corea del Sud".

 

Il New Jersey avanza diverse proposte di riforma della Cannabis, legalizza la canapa

 

Dopo mesi di discussioni, i legislatori del New Jersey hanno appena compiuto il primo passo verso l'adempimento della promessa del Governatore Phil Murphy di portare erba legale allo Stato del Garden quest'anno. Una commissione mista del parlamento statale si è riunita questa settimana per approvare tre leggi relative alla cannabis, la più importante delle quali creerebbe un programma di erba legale tassato e regolamentato. La legislazione consente il consumo in loco presso i negozi autorizzati e la consegna di erba, includendo anche disposizioni per escludere gli investitori fuori dallo stato dal dominio sul mercato.

 

Il comitato ha anche approvato un progetto di legge per espandere il programma di marijuana medica dello stato aumentando il tetto mensile dei pazienti sugli acquisti di cannabis da 2 a 3 once (tra 55 e 85 grammi circa), legalizzare gli edibles infusi,  ed allargando la concessione di licenze per ulteriori attività commerciali. Un terzo disegno di legge avrebbe facilitato il processo di integrazione degli ex tossicodipendenti, rendendo più facile per loro cancellare i loro precedenti per sempre. Tuttavia, ogni proposta di legge deve essere approvata da entrambe le Camere della Legislatura prima di passare alla scrivania di Murphy per una firma, che può ancora presentare una sfida. I principali senatori di entrambe le parti si oppongono ancora alle misure, e lo stesso Murphy è stato in disaccordo con i legislatori riguardo l'aliquota d'imposta delle vendite proposta per le vendite legali.

 

Mentre i legislatori discutono sui meriti della cannabis ricreativa, il Garden State presto coltiverà il cugino non psicoattivo della marijuana (CBD).

 

Murphy ha firmato un disegno di legge che crea un programma pilota che consente alle istituzioni di istruzione superiore di crescere e fare ricerche riguardanti la canapa industriale. La Farm Bill del 2014 ha legalizzato la produzione di canapa nell'ambito di programmi pilota approvati dallo stato, e il New Jersey è ora il 38 ° stato a lanciare tale iniziativa. "Questo programma pilota è una vittoria per gli agricoltori locali che hanno bisogno di una diversità di opportunità per competere nel mercato agricolo globale", ha dichiarato il senatore Declan O'Scanlon in una nota.

 

Il Connecticut spinge sulla legalizzazione, seguendo l’esempio del Massachusetts

 

L'erba legale è finalmente arrivata sulla costa orientale, e il nuovo governatore del Connecticut vuole assicurarsi che lo Stato di Nutmeg non perda affari a causa del vicino da poco legalizzato (il Massachusetts appunto) . La settimana scorsa, il governatore eletto Ned Lamont ha detto ai giornalisti che la legalizzazione è "qualcosa che sosterrei e non voglio che il mercato nero controlli la distribuzione della marijuana nel nostro stato. Penso che sia un pessimo modo di procedere." Lamont ha detto che si aspetta che i legislatori comincino a discutere una legge sulla legalizzazione il prossimo anno, e un recente rapporto dell'Ufficio di Politica e Gestione del Connecticut ha suggerito che “lo stato potrebbe beneficiare di nuovi profitti provenienti da attività neonate, come...quelle della marijuana ricreativa!", secondo Marijuana Moment.

 

L’erba è stato venduta legalmente solo in due negozi situati alle estremità opposte del Massachusetts, ma la domanda è già stata incredibile: il primo giorno di vendite i clienti hanno guidato fino al New Hampshire per mettersi in fila  prima che i negozi aprissero le loro porte. I numeri sono assurdi: circa 3.000 clienti hanno visitato i due negozi durante l'intera giornata, spendendo  oltre $ 440.000 su oltre 10.000 prodotti. Con l'aliquota fiscale attuale del 17%, lo Stato ha guadagnato quasi $ 75.000 di gettito fiscale solo dal primo giorno. L'eccitazione è rimasta elevata per tutta la settimana, con entrambi i negozi che continuano a fare i conti con code interminabili.

 

L'ondata di sostegno alla cannabis legale ha convinto alcuni ex avversari, tra cui il Repubblicano Joe Kennedy, a ripensare alla sua opposizione: "Una cosa mi è chiara: la nostra politica federale sulla marijuana è gravemente cambiata, a vantaggio sia dell'anziano malato di cancro che la marijuana può aiutare, sia della giovane incline al disturbo da uso di sostanze che potrebbero danneggiarla", ha scritto Kennedy in una recente intervista. Il legislatore ha aggiunto che il governo federale deve intervenire e "regolare la marijuana in modo ponderato" al fine di porre fine alla confusione creata dall'attuale "patchwork di leggi incoerenti".

 

La Corte dell'Ohio trova la quota di equità sociale per le licenze di Cannabis non costituzionale

 

Sebbene diversi stati e città abbiano creato programmi per promuovere l'equità sociale nelle loro industrie legali, alcune di queste iniziative hanno faticato a raggiungere i loro obiettivi. A Oakland e San Francisco, due delle prime città a lanciare tali programmi, gli osservatori stanno scoprendo che i candidati all'equità stanno ancora lottando per completare le loro richiestei, mentre le grandi aziende prosperano. Il tentativo dell'Ohio di sostenere l'uguaglianza nella sua industria della marijuana medica sta ora affrontando una sfida simile, in quanto un giudice locale ha stabilito che il programma di equità sociale dello stato è incostituzionale.

 

Il giudice per le questioni comuni della contea di Franklin, Charles A. Schneider, si è appena pronunciato contro un regolamento statale che impone il 15% delle licenze di cannabis medica dello stato da riservare alle imprese di proprietà di individui "economicamente svantaggiati". Secondo questa legge, i regolatori statali concedevano due delle dodici licenze disponibili alle imprese di proprietà delle minoranze, anche se avevano ottenuto punteggi inferiori nelle loro domande rispetto ad altri candidati “meno svantaggiati”.

 

La Greenleaf Gardens LLC, una società che ha perso la sua offerta per una società di minoranza con un punteggio inferiore, ha citato in giudizio lo stato per il suo rifiuto. Schneider si è schierato con Greenleaf, affermando che le quote di minoranza sono appropriate solo quando c'è una storia di discriminazione all'interno di un'industria, e che non c'è una tale storia nell'industria della cannabis perché  nuova. Mentre gli avvocati dello stato hanno evidenziato un’azione sproporzionata nei confronti di afroamericani e latini per crimini legati alla marijuana, Schneider ha insistito sul fatto che tali prove non dimostrano discriminazioni nel nuovo settore. Non è attualmente noto se Greenleaf riceverà una licenza aggiuntiva, o se lo stato deciderà di revocare uno dei permessi concessi nell'ambito del programma azionario.

 

Le imprese nazionali di cannabis stanno cercando di acquistare l'industria della cannabis medica del Maryland, contrariamente alla legge statale

 

Dopo anni di lotta alle battaglie legali e ai problemi normativi, l'industria della marijuana medica del Maryland sta finalmente crescendo e questo nuovo mercato dalla punta calda ha recentemente attratto l'interesse degli agglomerati di cannabis nazionali desiderosi di ottenere un pezzo della torta.

 

Le normative statali proibiscono in modo specifico alle imprese locali di MMJ di consolidarsi con interessi corporativi fuori dallo stato, ma nonostante questa regola, diverse compagnie nazionali di cannabis, tra cui Curaleaf e MedMen, hanno detto ai loro investitori che stanno finalizzando accordi per trasferire l’industria nello stato locale.

 

"Non so come la [Maryland Medical Cannabis Commission] sta permettendo che questo accada", dichiara Del. Cheryl Glenn al Baltimore Sun. "Siamo categoricamente contrari alle grandi società fuori dallo stato che arrivano e acquistano licenze.". I legislatori dello stato hanno dichiarato alla stampa che intendono affrontare la questione quando la sessione legislativa del prossimo anno si riunirà nuovamente a gennaio. "Lo vedremo chiaramente di nuovo", ha detto Sandy Rosenberg. "Questo è un processo in corso. Dobbiamo rispondere a ciò che le persone stanno facendo, in una maniera che promuova i nostri obiettivi politici ".

 

Investitori di cannabis canadesi banditi dagli Stati Uniti per partecipare alla conferenza di affari sulla marijuana

 

La cannabis è stata interamente legale in Canada da oltre un mese, ma i funzionari doganali degli Stati Uniti stanno raddoppiando i loro sforzi per garantire che chiunque sia coinvolto in modo indiretto in questa nuova fiorente industria resti fuori dal suolo americano. Nei mesi precedenti alla legalizzazione, la Protezione doganale degli Stati Uniti (CBP) ha annunciato che qualsiasi cittadino canadese che ha ammesso di fumare erba o di lavorare in qualsiasi tipo di lavoro correlato all'industria potrebbe essere bandito dagli Stati Uniti per tutta la vita.

 

Poco dopo l'inizio delle vendite per adulti il ​​17 ottobre, il CBP ha rilasciato un'altra dichiarazione in cui spiegava che avrebbero comunque permesso ai dipendenti canadesi di cannabis di entrare nel paese, a condizione che lo facessero per motivi personali, non per affari. All'inizio di questo mese, diversi investitori canadesi in viaggio per la Marijuana Business Conference & Expo di Las Vegas hanno scoperto che la polizia di frontiera stava attivamente rafforzando l'ultimo aspetto di tale politica. Un investitore che stava viaggiando da Vancouver a Las Vegas si è ritrovato definitivamente bandito dagli Stati Uniti, e almeno altri 12 si sono trovati detenuti per ore durante il viaggio verso la stessa convention.

 

A prescindere dalle recenti assicurazioni del CBP, gli avvocati dell'immigrazione hanno riferito che il numero di clienti che chiedono consulenza per il business della cannabis è in aumento. "Nonostante tutti gli avvertimenti che ho dato per mesi e mesi, anni, anni e anni, sta ancora accadendo e questo continuerà ad accadere finché non ci sarà un'armonizzazione delle leggi federali e statali in questo paese", dice alla stampa canadese, l’avvocato di immigrazione con base a Washington, Len Saunders. "Altrimenti, vedrai che succederà per sempre - e l'unico a beneficiare sarò io."

 

Anche a casa sul suolo canadese, la strada verso la legalizzazione del paese sta causando alcuni grattacapi. Molti dettagli legali si stanno ancora affrontando circa le zone ancora grigie, mentre l’ Health Canada sta per revocare la licenza commerciale di una società di Vancouver per la produzione di vap-pen a base di cannabis che sono vietati dalla legge canadese.

 

Gli scienziati scoprono che i geni della cannabis sono responsabili della produzione di CBD e THC

 

Uno sforzo collaborativo tra scienziati canadesi e americani ha finalmente scoperto i geni specifici coinvolti nella produzione di THC e CBD. I ricercatori hanno inizialmente sequenziato il genoma del 10-cromosoma della pianta di cannabis nel 2011, ma ci sono voluti ancora sette anni per separare i geni che producono cannabinoidi dal "DNA spazzatura" - materiale genetico che i virus hanno inserito nel DNA della cannabis per secoli di evoluzione. Questo DNA virale comprende tra il 70 e il 75% del genoma della pianta, rendendo difficile per i ricercatori isolare i geni responsabili della produzione di cannabinoidi.

 

"Puoi manipolare un gene solo quando sai dove si trova", ha detto al The Toronto Star Harm van Bakel, esperto di genomica presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai e ricercatore capo dello studio. "E devi anche sapere qualcosa sul resto del sequenziamento del genoma in modo che tu possa mirare in modo univoco al gene interessato e non essere sviato da ... altre cose che sembrano simili." Questa scoperta potrebbe rendere più facile per i coltivatori di marijuana, puntare su ceppi specifici che contengono determinati livelli di THC o CBD o una precisa miscela dei due.

 


Lascia un commento