Il parlamento Canadese ha approvato la legalizzazione della Cannabis a uso ricreativo. Inizia la Rivoluzione

 

Il Canada è diventato la prima nazione ricca al mondo a legalizzare completamente la marijuana.

Il Senato ha approvato il Bill C-45, noto anche come il Cannabis Act, martedì. La misura era già stata approvata dalla Camera dei Comuni, quindi l'approvazione del Senato significa che ora è pronto per diventare legge.

La misura legalizza il possesso di marijuana, la coltivazione delle piante in casa e la vendite agli adulti. Il governo federale supervisionerà le restanti sanzioni penali (per esempio, la vendita ai minori) e le licenze dei produttori, mentre i governi provinciali gestiranno le vendite, la distribuzione e i relativi regolamenti - in quanto tali, le province saranno in grado di imporre regole più severe, come aumentare l'età minima. La legge segue in gran parte le raccomandazioni formulate da una task force federale sulla legalizzazione della marijuana.

Ci si aspetta che i governi canadesi e provinciali abbiano bisogno di due o tre mesi prima che le vendite al dettaglio e altre parti della legge possano essere implementate.

Niente di tutto questo può sembrare troppo scioccante negli Stati Uniti, dove già nove stati hanno legalizzato la marijuana per uso ricreativo e 29 stati l'hanno permesso per scopo medico. Ciò che distingue il Canada, però, è che la legalizzazione è avvenuta a livello paese e non di singolo stato come in USA. In precedenza, la nazione sudamericana dell'Uruguay era l'unica che legalmente consentiva la marijuana per scopi ricreativi.

Il Canada, come gli Stati Uniti, fa parte dei trattati internazionali sulle droghe che vietano esplicitamente la legalizzazione della marijuana. Sebbene gli attivisti abbiano spinto per cambiare questi trattati per anni, hanno fallito finora - e questo significa che il Canada sarà, in effetti, in violazione del diritto internazionale nel passaggio alla legalizzazione. (Gli Stati Uniti sostengono che è ancora in accordo con i trattati perché la legge federale continua a vietare tecnicamente la cannabis, anche se alcuni stati l'hanno legalizzata).

Per il partito al governo in Canada, questo soddisfa una promessa importante per la campagna elettorale. Quando il Partito liberale del primo ministro Justin Trudeau è stato eletto nel 2015, una delle principali promesse su cui ha lavorato è stata la legalizzazione della marijuana.

"Noi legalizzeremo, regoleremo e limiteremo l'accesso alla marijuana", ha dichiarato il Partito liberale sul suo sito web della campagna. "L'attuale sistema di divieto della marijuana in Canada non funziona. Non impedisce ai giovani di usare marijuana e troppi canadesi finiscono con precedenti penali per possesso di piccole quantità di droga ".

Ma il processo languì quando Trudeau ei suoi alleati attesero le raccomandazioni di una task force federale e il senato discusse diverse disposizioni del disegno di legge.

Per andare avanti, il governo canadese sta ora camminando su una linea sottile: spera di legalizzare la marijuana per reprimere il mercato nero della cannabis e fornire uno sbocco sicuro per gli adulti, ma rischia di rendere il prodotto più accessibile ai bambini e alle persone con disturbi. Sta facendo un passo coraggioso contro le obsolete leggi internazionali sulla droga, ma potrebbe turbare paesi come la Russia, la Cina e persino gli Stati Uniti che hanno storicamente adottato una visione più severa dei trattati. E mentre i legislatori canadesi possono ritenere che la legalizzazione della marijuana sia giusta per il loro paese, c'è il rischio che la Cannabis legale canadese possa riversarsi negli Stati Uniti causando tensioni con il vicino del Canada uno dei suoi più stretti alleati.

Se il Canada riuscirà nei suoi tentativi di legalizzazione dipenderà dal modo in cui si raggiungerà un equilibrio tra queste preoccupazioni. Inoltre, a seconda di come viene struttura la legalizzazione, può fornire un modello agli altri paesi interessati alla legalizzazione, compresi gli Stati Uniti.

I rischi e i benefici della legalizzazione
Per il Canada, la legalizzazione della marijuana è stata sin dall'inizio un atto di equilibrio.

Da un lato, il divieto di marijuana ha molti costi. In Canada, decine di migliaia di persone vengono arrestate per reati di marijuana ogni anno, facendo a pezzi comunità e famiglie mentre le persone vengono gettate in prigione e registrano penali. L'applicazione di queste leggi costa anche denaro, mentre legalizzare e tassare la marijuana potrebbe portare entrate extra - anche se in genere non così tanto, sulla base dell'esperienza del Colorado, dove le tasse sulla marijuana rappresentano meno dell'1% del bilancio generale.

Il mercato nero per la marijuana alimenta la violenza in tutto il mondo - non solo può portare a conflitti e violenze all'interno del Canada, ma il denaro proveniente dal vaso prodotto e venduto illegalmente spesso torna ai cartelli della droga che poi usano quei soldi per compiere violenze brutali, tra cui omicidi, decapitazioni, rapimenti e torture. La legalizzazione sposta la marijuana dal mercato illecito e potenzialmente violento a quello legale in grado di produrre posti di lavoro legittimi.

Anche la legalizzazione comporta rischi. Potrebbe portare a un maggiore uso e uso improprio rendendo la Cannabis più economica e più disponibile. Mark Kleiman, un esperto di politica sulle droghe presso il Marron Institute della New York University, stima che a lungo termine una canna di marijuana legale non costerà più di, ad esempio, una bustina di tè - poiché entrambi i prodotti provengono da piante che sono abbastanza facili da coltivare . Sarebbe anche disponibile a chiunque (di età legale) nei punti vendita al dettaglio dopo la legalizzazione - il che significa che non richiederebbe più un incontro sgradevole o segreto con uno spacciatore. 

Questi sono benefici per le persone che usano la marijuana senza problemi, per essere sicuri, ma un accesso più semplice potrebbe anche rappresentare un rischio per le persone che non riescono a controllare il consumo di cannabis.

Sebbene la marijuana non sia molto pericolosa rispetto ad altri farmaci, comporta alcuni rischi: dipendenza e uso eccessivo che portano a angoscia e ansia mentale e, in rari casi, a episodi psicotici. Tuttavia, non è mai stato collegato in modo definitivo a nessun disturbo grave - overdose mortale, malattia polmonare o schizofrenia. Ed è molto meno probabile - circa un decimo quindi, in base ai dati relativi a incidenti stradali fatali - causare incidenti mortali rispetto all'alcol, che è legale.

Tra i rischi, gli esperti in materia di droga sottolineano il rischio di abuso e dipendenza. Come mi ha detto Jon Caulkins, esperto di politica sulle droghe alla Carnegie Mellon University, "Ad un certo livello, sappiamo che passare più della metà delle ore di veglia intossicate per anni e anni non aumenta la probabilità che vincerai un premio Pulitzer o scopri la cura per il cancro. "

Un atto di bilanciamento
A tal fine, il Canada sta raggiungendo un equilibrio diverso da quello degli esperimenti di legalizzazione degli Stati Uniti finora.

Finora negli Stati Uniti, gli otto stati che hanno legalizzato le vendite di Cannabis lo hanno fatto con un modello simile all'alcol. (Il Vermont ha solo il possesso legalizzato, non le vendite al dettaglio.) Fondamentalmente, stanno installando i loro sistemi per consentire a un'industria di coltivazione a scopo di lucro di prosperare, in modo analogo all'industria dell'alcol.

Gli esperti di politica sulle droghe, tuttavia, puntano spesso all'industria dell'alcol come un avvertimento, non qualcosa da ammirare e da seguire per altri farmaci. Per decenni, il grande alcol ha fatto pressione sui legislatori per bloccare gli aumenti delle tasse e le normative sull'alcol, il tutto mentre commercializza il suo prodotto come divertente e sexy in programmi televisivi, come il Super Bowl, che sono visti da milioni di americani, compresi i bambini. Nel frattempo, l'alcol è collegato a 88.000 morti ogni anno negli Stati Uniti.

Se le compagnie di marijuana saranno in grado di agire come le industrie del tabacco e dell'alcol, ci sono buone probabilità che convincano più americani a provare o addirittura a usare regolarmente marijuana, e alcuni degli utenti più pesanti potrebbero usare anche altre droghe. E poiché queste aziende aumentano i loro profitti, saranno in grado di influenzare i legislatori in un modo che potrebbe soffocare i regolamenti o altre politiche che limitano l'uso improprio di cannabis. Tutto ciò probabilmente si rivelerà negativo per la salute pubblica (anche se probabilmente non è così dannoso come l'alcol, dal momento che l'alcol è semplicemente più pericoloso).

Ci sono delle politiche che possono ridurre questi rischi, alcune delle quali sono incluse nel piano del Canada.

Ad esempio, la misura del Canada limita il marketing e la pubblicità. Negli Stati Uniti, questo è generalmente più difficile perché il Primo Emendamento protegge la libertà di espressione commerciale. (Il marketing del tabacco è in gran parte vietato a causa di un massiccio accordo legale.) Ma in Canada, le restrizioni potrebbero impedire alle compagnie di marijuana di commercializzare il loro prodotto in modo tale da colpire, ad esempio, bambini o persone che già usano pesantemente la cannabis.

"È un gioco da ragazzi", mi aveva detto in precedenza Caulkins. Per motivi di salute pubblica, "ogni ricercatore serio in tutto il mondo pensa che sia una buona idea limitare la pubblicità di tabacco, alcool, qualsiasi sostanza che induca dipendenza".

La legge canadese lascia inoltre che le province gestiscano interamente la distribuzione e le vendite di marijuana - fino a lasciare che i governi provinciali gestiscano direttamente e gestiscano da soli tutti i negozi. Mentre negli Stati Uniti i negozi di liquori non sono mai visti negli alcolici, è considerato rischioso in America con la marijuana: dal momento che la cannabis è illegale a livello federale, chiedere ai dipendenti statali di gestire negozi di marijuana potrebbe effettivamente chiedere loro violare la legge federale. Ma dal momento che il Canada sta legalizzando la marijuana a livello nazionale in una volta sola, può farlo - e diverse province dovrebbero prendere in considerazione questa opzione.

La promessa dei negozi di marijuana gestiti dal governo è che potrebbero essere migliori per la salute pubblica. In breve, le agenzie governative che gestiscono i negozi sono generalmente più attente alla salute e alla sicurezza pubblica, mentre le società private saranno interessate a massimizzare le vendite.

La ricerca precedente ha rilevato che gli Stati che mantenevano un monopolio governato per l'alcol mantenevano i prezzi più alti, riducevano l'accesso dei giovani e riducevano i livelli complessivi di utilizzo - tutti benefici per la salute pubblica.

Ancora una volta, si tratta di bilanciare i rischi e i benefici della legalizzazione.

Questo non è importante solo per il Canada ma per tutto il mondo. Se il Canada dimostra che queste politiche sono il giusto approccio alla legalizzazione, potrebbero fornire un modello di legalizzazione al resto del mondo molto diverso da quello che l'America ha fatto finora .

 


Lascia un commento

Liquid error: Could not find asset snippets/eu-cookie-banner-app.liquid